M.A.C.C. ( Movimento,Associativo, Culturale, Cittadino)
M.A.C.C. ( Movimento,Associativo, Culturale, Cittadino)
M.A.C.C.( Movim. Ass. Cult. Cittadino) Santeramo in Colle (BA)
M.A.C.C.( Movim. Ass. Cult. Cittadino) Santeramo in Colle (BA)

SAPERE, CAPIRE, CONOSCERE, IMPARARE

In questa sezione troverete tutte le informazioni e immagini che" Paese Mio" si prodiga nel mettere a disposizione per quanto e più possibile dei vostri occhi e della vostra itelligenza, riguardo la storia, la cultura, la gastronomia,  gli eventi, i ricordi, le tradizioni di Santeramo in Colle, nostro  e vostro PAESE. 

Progetto nuovo

INFORMAZIONI , SALUTE E SAGGEZZA GASTRONOMICA

Abbiamo il piacere di presentarvi un nuovo progetto culturale. Per saperne di più, chiamateci al numero 330 840303, il nostro personale sarà a vostra disposizione.

Vi invitiamo a visitare il nostro nuovo sito web,realizato con semplicità  Qui troverete tante informazioni utili e interessanti sulla  nostra cultura locale. Personalità illustre, personaggi, gastronomia, prodotti, arte,artigianato, storie, aneddoti, curiosità, avvenimenti, manifestazioni, che l'Associazione Paese Mio ha a cuore e che racchiude nel suo motto( Sapere, Capire, Conoscere, Imparare)

 L'AUTUNNO e I SUOI  FUNGHI

     I FUNGHI         CARDONCELLI
(pleutoruseryngii)       
Il fungoCardoncello, chiamato con nomi diversi nelle varie  Regioni (Cardoncello,Cardarello,Ferlengo,fungo Ferula ecc.E conosciuto e apprezzato fin dai tempidegli antichi romani,ritenuto espressione di forze soprannaturali, apprezzato e studiato nel Medioevo e Rinascimento. 
Nel Medioevo era oggetto di canti in alcune   taverne laziali e fu considerato prelibato e afrodisiaco al punto tale da essere messo all'indice dal Santo Uffizio perché distoglieva i Pellegrini dall'idea della penitenza che doveva essere collegata al Pellegrinaggio del Giubileo.
Il fungo Cardoncello o Ferlengo o Fungo di Ferula, è diffuso allo stato naturale nel sud dell'Italia, della Francia e della Spagna. 
È il fungo più apprezzato in Puglia (ne è ricca la Murgia Barese), in Sardegna, in Basilicata e in alcune province del Lazio e della Sicilia.
Predilige il clima mediterraneo e cresce e si sviluppa sui resti dieryngium campestre ed eryngium marittimum. La sua comparsa nelle grandi distese apascolo caratterizza il momento magico dell'autunno. 
Il Cardoncello, oltre ad essere una leccornia, è importante dal punto di vista dietetico. Infatti quello fresco contiene mediamente dall'85% al 95% di acqua, il4-5% di zuccheri, il3,8-4% di proteine, lo 0,4-0,7 di grassi; sono presenti in esso tutti gli amminoacidi principali e le vitamine con un buon livello, insolito per i vegetali, di biotina. Il fungoCardoncello,per il basso contenuto di grassi, per la presenza di importanti vitamine, per il valoreenergetico ridotto28calorie ogni 100 grammi) viene largamente impiegato in dieteipocaloriche. 
Nel tempo è stato definito in diversi modi. Alcuni lo considerano un fungo "onesto" perché non si confonde allo stato naturale con nessun fungo velenoso, altri lo considerano "discreto" perché il suo profumo in cucina non è penetrante, ma sottile ed "elegante". Altri, in epoca più recente, lo considerano "democratico" perché con i suoi aromi e saporiequilibrati, valorizza il sapore e gli aromi di altre pietanze, tanto da suscitare l'interesse gastronomico dei migliori maestri di cucina del mondo. 

Se nasce in voi il desiderio di conoscere le ricette, vi preghiamo suggerendo  di richiederle per iscritto, oppure saremmo tanto contenti  se passate dalla nostra sede associativa. Questo crediamo, vi renderebbe più soddisfatti.

Gastronomia

MAI CI STANCHEREMO DI FARVI MANGIARE BENE, SIAMO CERTI CHE NON CI FAREMO DIMENTICARE. SOGNERETE I NOSTRI PIATTI. SE VERRETE A TROVARCI NON CI VORRETE PIU LASCIARE VI ATTACCHERE ALLE NOSTRE CUCINE VI ABBRACCERETE AI NOSTRI PIATTI.LE RICETTE SEMPLICI E ORIGINALI, SE LE DESIDERATE, PER FAVORE, FATECENE RICHIESTA , CERCHEREMO DI ACCONTENTARVI, FACENDO DEL NOSTRO MEGLIO.

 

  L'AUTUNNO e I SUOI  FUNGHI

 

Pleurotus eryngii var. ferulae

 

Curiosità: Questo fungo, considerato in Sardegna il "fungo" per eccellenza, viene anche chiamato "fungo di carne", per la compattezza della sua composizione. Ricercatissimo ovunque, in Sardegna, ma soprattutto nel sud, nelle pianure del Campidano e negli altipiani interni, si sviluppa in connessione con le radici della ferula, una Ombrellifera selvatica, tipica dei luoghi a clima caldo- temperato. Si può trovare anche nelle radure dei boschi di quercia.

Dove la raccolta di questi funghi non è continua, la var. ferulae può arrivare a pezzature notevoli, anche al kg di peso.

Possibilità gastronomiche: E' un fungo molto ricercato per la sua consistenza. Viene cotto alla brace, come una bistecca. Ottimo anche in bianco, trifolato e usato nei sughi,  per condire pasta corta, risotto o fettuccine. 

Periodo: Cresce sia in autunno che in primavera, specialmente dopo le piogge. A seconda della piovosità stagionale, può crescere da ottobre alla fine di aprile, in quantità notevoli.  

Se nasce in voi il desiderio di conoscere le ricette, vi preghiamo  suggerendo  di richiederle per iscritto,oppure saremmo tanto contenti  se passate dalla nostra sede associativa. Questo crediamo vi renderebbe più soddisfatti.

gastronomia

MAI CI STANCHEREMO DI FARVI MANGIARE BENE, SIAMO CERTI CHE NON CI FAREMO DIMENTICARE. SOGNERETE I NOSTRI PIATTI. SE VERRETE A TROVARCI NON CI VORRETE PIU LASCIARE, VI ATTACCHERE ALLE NOSTRE CUCINE VI ABBRACCERETE AI NOSTRI PIATTI.  LE RICETTE SEMPLICI  E  ORIGINALI, SE LE DESIDERATE, PER FAVORE FATECENE RICHIESTA, CERCHEREMO DI ACCONTENTARVI. FACENDO   DEL NOSTRO MEGLIO.

 

 

 

 

 

<< Nuova casella di testo >>

  L'AUTUNNO e I SUOI  FUNGHI

 

 

CHAMPIGNON

 

Il suo nome scientifico è “Agaricus”, quello latino “Psalliota”. 
È bianco e coronato da un cappello; cresce nei prati, generalmente in autunno, e quando è giovane si può mangiare crudo. 
Ne esistono diverse varietà, la più conosciuta è quella coltivata, la “Psalliota hortensis”, famosa con il nome di “Champignon” (fungo in francese). 
Le prime testimonianze storiche che documentano in maniera piuttosto attendibile la coltivazione dei funghi risalgono al 1650, nei dintorni di Parigi, grazie alla scoperta fortuita di contadini che si accorsero della crescita di funghi sul composto spento di serra usato per la produzione dei meloni. 
Nel 1780, un giardiniere francese, Chambry, scoprì che condizioni favorevoli alla crescita dei funghi erano presenti in modo considerevole nelle cave e nei cunicoli sotterranei. 
I primi veri tentativi di coltivazione di funghi champignons in Italia risalgono attorno al 1890 a Roma, nelle grotte di Caracalla, ma bisognerà arrivare agli anni '50 dello scorso secolo perché la coltivazione del fungo Prataiolo o Champignon divenga una vera e propria attività produttiva organizzata. 
Oggi il prataiolo coltivato nasce da un composto che ha funzione di humus e di alimento. Una volta immesso nei letti di coltivazione, il composto viene coperto da terriccio formato da torba, calce ed acqua. 
Durante questo processo, definito di incubazione, fondamentale è il microclima che si stabilisce nella stanza colturale dosando aria, acqua e anidride carbonica. 
Dopo 20 giorni circa compare il primo fungo (primordo), e da lì il composto produrrà tre/quattro fruttificazioni (volate), a cadenza di una settimana circa l'una dall’altra. 
Il fungo Champignon è costituito per il 90% da acqua, praticamente privo di grassi, ricco di potassio, fosforo e ferro, contiene una quantità di proteine superiore a patate, spinaci e latte intero. 
Il modo migliore per consumare il fungo prataiolo è a crudo, abbinato ad insalate dagli ingredienti più diversi. 

Se nasce in voi il desiderio di conoscere le ricette, vi preghiamo  suggerendo di richiederle per iscritto,oppure saremmo tanto contenti  se passate dalla nostra sede associativa. Questo crediamo vi renderebbe più soddisfatti.

gastronomia

MAI CI STANCHEREMO DI FARVI MANGIARE BENE, SIAMO CERTI CHE NON CI FAREMO DIMENTICARE. SOGNERETE I NOSTRI PIATTI. SE VERRETE A TROVARCI NON CI VORRETE PIU LASCIARE VI ATTACCHERE ALLE NOSTRE CUCINE VI ABBRACCERETE AI NOSTRI PIATTI.  LE RICETTE SEMPLICI  E  ORIGINALI SE LE DESIDERATE, PER FAVORE  FATECENE RICHESTA, CERCHEREMO DI ACCONTENTARVI, FACENDO  DEL NOSTRO MEGLIO.

 

Orario praticato 8-12*16-21

Santeramo in Colle (BA)  Corso Roma N° 63 Tel 330-840303

Il nostro nuovo sito web - www.miopaesemio.it

NUOVA SEDE                      Via/Corso Roma  63                       70029 Santeramo in Colle (BA)

 Tel. 330 840303

IL NOSTRO MOTTO

Progetto culturale dal titolo. SAPERE, CAPIRE,  CONOSCERE, IMPARARE

Stampa Stampa | Mappa del sito
© "Paese Mio" Via Roma 63 70029 Santeramo in Colle Partita IVA: